L'IMPORTANZA DEL GIOCO

Il gioco per i bambini è la migliore medicina

L’attività ludica ha solo effetti benefici sulla salute psicofisica dei bimbi e sul loro sviluppo. Facciamoli giocare!
I bambini devono giocare e, quasi quasi, i pediatri arriveranno a prescriverlo.
È la provocazione che arriva dai pediatri americani che non ci stanno con la piega che genitori e bimbi delle ultime generazioni stanno prendendo: i piccoli hanno bisogno di sviluppare una serie di competenze per ottimizzare il proprio sviluppo e gestire lo stress ed è possibile solo e soltanto con il gioco. 
Nell’ultimo numero di Pediatrics, la rivista dell’American Academy of Pediatrics, i medici vogliono dimostrare che un gioco appropriato dal punto di vista dello sviluppo con genitori e coetanei è un’occasione unica per promuovere le abilità socio-emotive, cognitive, linguistiche e di autoregolazione che creano la funzione esecutiva e un cervello pro-sociale. Inoltre, il gioco supporta la formazione di relazioni sicure e stabili. 
Niente smartphone né dispostivi elettronici insomma, miei cari genitori non si scappa: è il gioco, soprattutto quello svolto all’aperto, che migliora la struttura e la funzione del cervello, limita la tendenza a distrarsi e promuove il processo di apprendimento.
Quando nella vita di un bambino mancano giochi e relazioni sicure, stabili e “nutrienti”, dicono i pediatri, lo stress tossico può disturbare lo sviluppo e l’apprendimento del comportamento nella società, compromettendo così anche le interazioni con le altre persone. Di contro, la gioia reciproca di un gioco, la comunicazione condivisa e la sintonizzazione (interazione armoniosa di servizio e ritorno) che i bambini – anche assieme ai genitori – possono sperimentare durante il gioco regolano la risposta allo stress del corpo costituiscono un rapporto clinico dai mille benefici. 
Giocare, quindi, o comunque passare del tempo libero non strutturato, è essenziale per il benessere cognitivo, fisico, sociale ed emotivo dei più piccoli. Svagarsi con i genitori, poi, rafforza i legami d’amore e le connessioni tra i membri della famiglia. Di fatto, il gioco:
stimola lo sviluppo del cervello: giocare fa sì che il cervello crei sempre maggiori connessioni nervose, in particolare nel lobo frontale, centro della pianificazione e della presa di decisionistimola la creatività e l’immaginazionealimenta le abilità mentali che permettono di gestire l’attenzione e il tempo, di pianificare e organizzare e di ricordare i dettaglisviluppa l’elaborazione di una “Teoria della mente”, ossia la capacità di mettersi nei panni dell’altro
giocare all’aperto allevia anche lo stress, allontana la depressione e stimola la produzione di vitamina D 
È per questo che l’Accademia Americana di Pediatria sostiene che il gioco andrebbe prescritto alle famiglie, così come se fosse un farmaco, ma anche alle scuole, dove sempre meno è anche il tempo dedicato all’intervallo, all’educazione fisica, all’arte e alla musica.
Noi, intanto, invitiamo i nostri bimbi a giocare e, appena abbiamo un attimo di tregua, facciamolo anche noi con loro. Si attiverà un meccanismo di ricompensa che non avrà uguali e farà bene a tutta la famiglia. 
Cell.33311842704

Mail: centroamamente@gmail.com
CENTRO PSICOLOGICO INFANTILE MILANO

Fonte: https://www.greenme.it/vivere/speciale-bambini/28793-bambini-gioco-medicina-pediatri